Numero 7 -


Il vilipendio è giusta causa di licenziamento

Un recente e ancora irrisolto caso di "cronaca criminale" - quello dell'infermiera di una struttura pubblica accusata dell'omicidio di alcuni degenti in tarda età - si trasforma in una interessante problematica lavorista: gli atteggiamenti di vilipendio di un cadavere - riassunti nella cruda realtà di due fotografie - possono costituire giusta causa di licenziamento? Il tribunale di Ravenna risolve la controversia riaffermando la necessità del rispetto di alcuni valori socialmente condivisi

Davide Zavalloni - Avvocato in Cesena

Guida al Lavoro

Il settimanale di amministrazione del personale, contrattazione collettiva, diritto e sicurezza del lavoro, da oggi completamente rinnovato.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader