Numero 6 -


Somministrazione, illegittimità del licenziamento per gmo

La prova dell'esistenza di un giustificato motivo oggettivo di licenziamento di un lavoratore somministrato a tempo indeterminato è a carico del datore di lavoro (la società di somministrazione) che ha l'onere di dimostrare le ragioni tecniche, organizzative e produttive, poste a suo fondamento. In caso di mancato adempimento di tale prova il lavoratore ha diritto alla reintegrazione nel posto di lavoro, solo però nel caso in cui siano manifestamente insussistenti le ragioni del licenziamento

Giacomo De Fazio
Toffoletto De Luca Tamajo e Soci Bergamo

Guida al Lavoro

Il settimanale di amministrazione del personale, contrattazione collettiva, diritto e sicurezza del lavoro, da oggi completamente rinnovato.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader