Numero 19 -


Social network tra libertà di espressione e obbligo di fedeltà

Il punto della giurisprudenza sul contemperamento dell‘obbligo di fedeltà e del diritto di opinione e di critica del dipendente espresso attraverso i social network nei confronti del proprio datore di lavoro; affrontiamo più in particolare la seguente questione: fino a che punto le critiche possono considerarsi lecite e quando, invece, possono legittimare il licenziamento per giusta causa

Luciano Racchi
Avvocato
Legalitax Studio legale e tributario

Guida al Lavoro

Il settimanale di amministrazione del personale, contrattazione collettiva, diritto e sicurezza del lavoro, da oggi completamente rinnovato.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader