PRIMO PIANO

Esonero contributivo triennale: ultimi chiarimenti dall'Inps e dal Ministero

L'Inps fornisce chiarimenti sulla fruizione dell'esonero contributivo triennale per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato effettuate nel 2015. L'Istituto fornisce importanti indicazioni di ordine generale, chiarisce il coordinamento con altri incentivi, l'applicabilità dell'esonero ai datori privati che versano i contributi all'Inpgi e definisce quali sono i datori iscritti alle gestioni pubbliche che possono fruire dell'esonero. Il Ministero interviene invece sul particolare caso della fusione per incorporazione

RAPPORTO DI LAVORO

Congedi parentali ad ore, l'Inps elenca le incompatibilità

L'Inps interviene nuovamente a chiarimento della utilizzazione dei congedi parentali in modalità oraria illustrando la puntuale specifica dei riposi e dei permessi che sono da considerarsi cumulabili e di quelli invece che risultano incumulabili, sia con riferimento al Testo Unico della maternità/paternità, sia con riferimento alla legge n. 104/1992

CONTRIBUTI E FISCO

Inail, riduzione premio artigiani per il 2015

Pubblicato sul sito istituzionale del Ministero del Lavoro www.lavoro.gov.it, il decreto interministeriale lavoro-economia che indica per l'annualità 2015, in misura pari al 8,16 percento, la riduzione spettante alle imprese artigiane secondo quanto stabilito ai commi 780 e 781 della legge n. 296/2006

Rinuncia allo stipendio e obbligo contributivo

Il Ministero del lavoro rispondendo ad un quesito sul caso di rinuncia, da parte di calciatori e tecnici, delle retribuzioni già maturate ma non pagate, con la finalità di liberarsi velocemente dal vincolo societario, per passare ad altra organizzazione sportiva, chiarisce che tale rinuncia non libera le parti dall'obbligo di versare i contributi

Quando l'indennità di trasferta diventa reddito

L'Agenzia delle Entrate interviene sul calcolo e sul trattamento fiscale da applicare alle indennità chilometriche corrisposte a un lavoratore che per raggiungere il luogo di trasferta partendo dalla propria abitazione debba percorrere una maggiore distanza rispetto a quella calcolata dalla sede di lavoro

PREVIDENZA E ASSISTENZA

Lsu, per i progetti in corso prima del Jobs act si applica la vecchia disciplina

Il Ministero del lavoro precisa che i lavoratori socialmente utili impiegati in progetti in corso alla data del 24 settembre 2015 (data di entrata in vigore del D.Lgs. n. 150/2015 di attuazione del Jobs act) potranno proseguire la loro attività lavorativa a beneficio della collettività locale fino alla scadenza del progetto. Inoltre è aperta la possibilità di proroga nei limiti temporali previsti dall'atto di approvazione del progetto.

loader