Con questo numero

Vai al Supplemento

PRIMO PIANO

Decreto dignità, contratto a termine e questioni di diritto transitorio

Nel suo complesso la riforma dell'impianto regolatorio dei rapporti di lavoro a termine, anche in somministrazione, ha subìto rilevanti modifiche. Questione centrale per gli operatori è comprendere la disciplina di volta in volta applicabile. Il decreto, e la legge di conversione, hanno introdotto due differenti regimi transitori, comportando la compresenza di quattro diverse normative: fino al 13 luglio; tra il 14 luglio e l'11 agosto; tra il 12 agosto e il 31 ottobre e a decorrere dal 1° novembre 2018

Decreto dignità, gli interventi di contrasto alla delocalizzazione

Il decreto dignità introduce una misura di contrasto alla delocalizzazione che prevede la decadenza dai benefici per le imprese che hanno usufruito di un aiuto di Stato e che delocalizzano l'attività economica entro 5 anni dalla conclusione dell'iniziativa agevolata. Tale misura si va ad aggiungere alle misure specifiche dedicate alla tutela occupazionale, all'iperammortamento e al credito d'imposta per attività di ricerca e sviluppo

Le norme fiscali nel decreto dignità convertito in legge

La conversione in legge del Decreto Dignità ha apportato molteplici novità dal punto di vista fiscale per imprese e professionisti in materia di: compensazione delle cartelle esattoriali con i crediti della p.a., credito d'imposta ricerca e sviluppo, disturbo da gioco d'azzardo e prelievo erariale unico (Preu), fatturazione elettronica carburanti, iper ammortamento, redditometro, società sportive lucrative, spesometro, split payment

RAPPORTO DI LAVORO

Politiche attive, per i richiedenti asilo è sufficiente la dimora abituale

L'Anpal chiarisce che, per i titolari o richiedenti protezione internazionale, l'accesso ai servizi del lavoro gestiti dai Centri per l'impiego non è subordinato alla dimostrazione della residenza ma è sufficiente la dimora abituale. Con successiva circolare l'Anpal precisa che i cittadini dell'Unione europea non residenti ma soggiornanti sul territorio italiano possono rilasciare la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro (DID) in omaggio al principio di libera circolazione dei lavoratori.

CONTRIBUTI E FISCO

Work-life balance, istruzioni Inps per lo sgravio 2018

L'Inps illustra le modalità di attribuzione dello sgravio contributivo, previsto dal decreto interministeriale 12 settembre 2017, a favore di datori di lavoro che hanno stipulato contratti collettivi aziendali contenenti misure volte a favorire la conciliazione tra la vita lavorativa e la vita privata dei lavoratori; tuttavia, lo sgravio, in questa fase, spetta con riferimento ai contratti aziendali stipulati dal 1° novembre 2017 al 31 agosto 2018 e richiede ai datori di lavoro di inoltrare una prenotazione in via telematica all'Inps entro il 15 settembre 2018

CONTRATTI COLLETTIVI

Aeroporti (trasporto aereo)

Le parti sociali hanno sottoscritto i verbali di accordo per il rinnovo del Ccnl Trasporto aereo della parte specifica dei controllori di volo e di quella dei servizi ATM (Air Traffic Management), per il periodo 2017-2019

PREVIDENZA E ASSISTENZA

Elenco di tutti gli argomenti

  1. a

    Assunzioni agevolate

    Aiuti alle imprese

    Ammortizzatori sociali

  2. c

    Cooperative

    Crediti di lavoro

    Calamità naturali

    Contrattazione collettiva

  3. d

    Disoccupazione

    Documento unico di regolarità contributiva (DURC)

    Distacco del lavoratore

  4. i

    INPS

    INAIL

  5. l

    Lavoro a termine

    Lavoro occasionale

    Licenziamento individuale

    Licenziamento collettivo

  6. p

    Permessi

    Pensione

  7. s

    Stranieri

    Sostegno al reddito

  8. t

    Tributi e imposte

    Trattamento di fine rapporto (TFR)

loader