Numero 44 -


La responsabilità del professionista ai fini della richiesta del danno

Nell'esecuzione della propria prestazione, il professionista deve rispettare il principio della diligenza ex art. 1176, secondo comma, c.c.; la sua responsabilità viene attenuata ai sensi di quanto previsto dall'art. 2236 c.c., rispondendo dei danni causati principalmente in caso di dolo o di colpa grave

Giovanni Di Corrado
Avvocato e consulente del lavoro
in Taranto

Guida al Lavoro

Il settimanale di amministrazione del personale, contrattazione collettiva, diritto e sicurezza del lavoro, da oggi completamente rinnovato.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader