Numero 13 -


Sul reato del lavoratore che dopo le dimissioni copia i dati aziendali nel proprio hard disk

Anche se non si attiva la procedura di conferma delle dimissioni questo non fa mantenere la qualità di dipendente ai fini dei comportamenti tenuti sul luogo di lavoro e quindi in caso di accesso al sistema per scaricare dei dati si commette il reato di accesso abusivo al sistema.

Annamaria Pedroni e Andrea Tonalli
Avvocati in Milano, StanchiStudioLegale

Guida al Lavoro

Il settimanale di amministrazione del personale, contrattazione collettiva, diritto e sicurezza del lavoro, da oggi completamente rinnovato.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader