Numero 27 -


Legittimo e proporzionato il licenziamento del dipendente che aggredisca verbalmente il datore

La Cassazione ha ritenuto il licenziamento proporzionato alla gravità dei complessivi fatti addebitati, in quanto la contestualizzazione della vicenda non legittimava la dipendente ad insultare apertamente ed immotivatamente il datore di lavoro, con oggettivo disvalore aziendale, e conseguente irrimediabile frattura del vincolo fiduciario fra le parti

Federico Manfredi
Avvocato in Milano
Trifirò & Partners Avvocati

Guida al Lavoro

Il settimanale di amministrazione del personale, contrattazione collettiva, diritto e sicurezza del lavoro, da oggi completamente rinnovato.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader